A OGNI FIORE IL SUO IMPOLLINATORE!

Fiore impollinatore

Sappiamo che i fiori sono uno strumento preziosissimo per la riproduzione delle piante e, di conseguenza, per la loro stessa sopravvivenza. Fondamentale a tale scopo è la collaborazione dei cosiddetti impollinatori, che, volando di fiore in fiore per nutrirsi del nettare, trasportano il polline da una pianta all’altra.

Pare che inizialmente i fiori fossero tutti di colore verde, proprio come il resto della pianta, piuttosto anonimi e senza pretese.

Man mano che il rapporto con gli impollinatori ha iniziato a farsi più stretto, però, le piante sono ricorse a tutto per farsi notare: forma, colore, profumo dei fiori non sono quindi frutto del caso, ma fanno parte di una strategia ben precisa.

Insomma, a ogni fiore il suo impollinatore!

Api, bombi e vespe

Rappresentano senza dubbio la più grande famiglia di insetti impollinatori.

Dal momento che riescono a vedere la luce ultravioletta, sono attratti dai fiori di colore giallo, blu e soprattutto dalle diverse sfumature del colore viola.

Alcune piante, poi, presentano fiori striati oppure ricoperti di puntini (in base alle preferenze dell’impollinatore di riferimento): anche questi disegni non sono casuali, ma hanno lo scopo ben preciso di indirizzare gli insetti verso il nettare.

I bombi ad esempio sono attratti dalle forme tondeggianti. Pertanto, le piante che si rivolgono a loro per l’impollinazione hanno spesso fiori ricoperti di puntini, piccoli nella parte più esterna e via via più grandi nella parte centrale: è il caso di una varietà di giglio, chiamata Tricyrtis hirta, dai fiori bianchi puntinati di viola.

Farfalle

Le farfalle sono attratte dai fiori di colore rosa e giallo, ma seguono principalmente il loro olfatto e prestano più attenzione al profumo.

Le piante che si fanno impollinare dalle farfalle presentano allora fiori dal profumo dolce e intenso. Generalmente, hanno forma tubulare: il nettare si trova in fondo, dove appunto solo le farfalle con la loro proboscide possono arrivare.

Mosche

Alcune piante si servono di un impollinatore meno tradizionale…

Un esempio clamoroso è dato dal fiore della Rafflesia arnoldii (che detiene anche il record di fiore più grande del mondo): ha un colore rosso scuro e un odore che non ci aspetteremmo mai da un fiore, poiché ricorda quello della carne in putrefazione.

In questo modo, infatti, riesce ad attrarre una specifica tipologia di mosche, normalmente dedite a svolazzare intorno alle carcasse degli animali.

Uccelli

Chiudiamo questa panoramica dei principali impollinatori con gli uccelli. Alcuni di loro, come i colibrì, svolgono egregiamente questa funzione.

Sono attratti dai colori accesi e soprattutto dal rosso e dall’arancione. Non hanno un olfatto molto sviluppato e, quindi, le piante che si affidano a loro presentano fiori dai colori vivaci e dal profumo tenue.

Spesso, hanno una corolla allungata che funge da punto di appoggio per gli uccelli. È il caso ad esempio della Sterlitzia.

Mammiferi

Vengono spesso dimenticati, ma anche tra i mammiferi esistono degli abili impollinatori…

Di chi stiamo parlando? Scoprilo qui!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!

I PIÙ VENDUTI

SFERE DELL'ARIA

Tillandsia Ionantha

15,00

SFERE DELL'ARIA

Tris di Tillandsie

30,00

SFERE DELL'ARIA

Tillandsia Harrisii

15,00

SFERE DELL'ARIA

Tillandsia Xerographica

30,00

TILLANDSIA BALL

Tillandsia Ionantha Ball

18,00
Esaurito

SFERE DELL'ARIA

Tillandsia Multiflora

15,00

SFERE DEL DESERTO

Haworthia Attenuata

15,00
25,00
Esaurito

TILLANDSIA BALL

Tillandsia Xmas Ball

18,00
Esaurito

TILLANDSIA RICADENTE

Tillandsia Usneoides

15,00