UNA BANCA DEI SEMI PER SALVARE LE PIANTE DALL’ESTINZIONE

Genziana estinzione

Abbiamo già avuto modo di parlare della Banca dei semi di Svalbard, nel Mar Glaciale Artico: inaugurata nel 2008, ha lo scopo di preservare la biodiversità vegetale di fronte all’eventualità di una catastrofe di qualunque genere.

Custodisce principalmente semi considerati di valore per l’agricoltura e provenienti da tutto il mondo. Riso e grano che sono le tipologie maggiormente rappresentate.

Indubbiamente, siamo di fronte alla più grande banca dei semi, ma non è l’unica…

La Banca del Germoplasma di Bari

Sono infatti molti i paesi che, nel tempo, hanno realizzato una banca nazionale dove custodire semi considerati preziosi.

In Italia, ad esempio, c’è la Banca del Germoplasma di Bari: dotata di camere a -20° e a 0° (per la conservazione rispettivamente a lungo e breve/medio termine), ospita al momento circa 56.000 semi. 

Particolare attenzione è rivolta alle specie agrarie più diffuse nell’areale mediterraneo, quali ad esempio i cereali come frumento, orzo e avena e le leguminose come fava, pisello, fagioli, ceci, lenticchie. C’è posto anche per qualche specie da orto e, in particolare, per cavoli, melanzane e peperoni.

Il progetto LIFE SEEDFORCE

È invece notizia recente quella di un progetto finanziato dalla Commissione Europea per recuperare e rafforzare le popolazioni di piante autoctone in alcuni territori di Europa, anche attraverso l’uso di una banca dei semi.

Iniziato ad ottobre 2021, dovrebbe concludersi alla fine del 2026 e coinvolge 104 specie vegetali considerate di interesse comunitario: 29 di queste sono in cattivo stato di conservazione e ben 17 si trovano in Italia.

Il progetto è rivolto infatti a 10 regioni italiane (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Abruzzo, Campania, Sardegna e Sicilia), insieme ad alcuni territori di Francia, Slovenia e Malta.

Tra le piante da tutelare spiccano la testa di drago, la genziana ligure, la sassifraga del monte Tombea, la felce gigante della Sicilia e il Ribes della Sardegna.

Perché questa emergenza?

Le cause dell’emergenza, come purtroppo spesso accade, sono da ricercare nell’azione umana e nelle modifiche che provocano all’ecosistema: invasione di specie aliene, abbandono delle pratiche agricole e territoriali tradizionali, calpestio causato da attività ad alto impatto come il turismo.

Proprio per porre rimedio, tra le attività del progetto spiccano l’eradicazione sostenibile delle specie aliene invasive e la protezione delle specie protette dal pascolo eccessivo e dal calpestio con recinzioni pertinenti.

In merito alle popolazioni più piccole e frammentate, si prevede di intervenire con un mix di genotipi selezionato per imitare il flusso genico naturale: si potrà così aumentarne la diffusione e metterle al sicuro dall’estinzione.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!