LA SECONDA VITA DEGLI ALBERI

Alberi

Un albero ormai morto può sembrare a prima vista un triste relitto abbandonato nella foresta.

E può venire spontaneo pensare che sarebbe il caso di abbatterlo e recuperarne il legname piuttosto che lasciarlo lì a marcire. Ma, ad un occhio più attento, la realtà appare ben diversa…

Nuova vita dalla morte

Un albero in decomposizione, infatti, è pieno di vita.

Il tronco, il terreno smosso dal ribaltamento delle radici, il fogliame secco di quella che un tempo era una chioma rigogliosa: sono tutti microambienti che, in breve tempo, vengono colonizzati e sfruttati da una grande varietà di organismi vegetali e animali.

Batteri, funghi, licheni e una ricchissima fauna saproxilica li affollano. In particolare, insetti ed altri invertebrati che, a loro volta, rappresentano il nutrimento prediletto di rettili, uccelli e piccoli mammiferi.

La presenza nelle foreste di questi alberi morti, quindi, non è affatto da considerare uno spreco di legname, poiché svolgono un ruolo fondamentale nella tutela della biodiversità dell’ecosistema nel suo complesso.

E, d’altra parte, in natura niente è lasciato al caso. Neanche la morte.

Preziosi minerali

Lo stesso legno contiene, insieme ad acqua e altri composti chimici, una serie non trascurabile di minerali: potassio, sodio, magnesio, calcio, fosforo, silicio, manganese, ferro solo per citarne alcuni.

Nel corso del naturale processo di decomposizione, si mescoleranno nuovamente al terreno, aumentandone la fertilità in favore delle piante che lo occupano e di quelle che nasceranno in futuro.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!